rammendo strappi buchi

COME CUCIRE VESTITI

Quante volte è successo che un piccolo buco sulla maglia, improvvisamente si trasforma in un danno più esteso e molto più grave? E quante volte un capo d’abbigliamento risulta strappato per i più vari motivi o logoro semplicemente perché è vecchio? In questi casi, come cucire vestiti?

Se il danno è abbastanza esteso è meglio rattoppare la zona danneggiata con una toppa, altrimenti se il danno è di poca rilevanza si possono usare ago e filo per rammendare il capo d’abbigliamento. Questa semplice guida illustra varie modalità per rammendare e rattoppare i vestiti.

COME RAMMENDARE

  • RAMMENDO DI UN TAGLIO NETTO
Come cucire i vestiti

Come cucire i vestiti: Rammendo di un taglio netto

Per eseguire un buon rammendo è necessario effettuarlo sul rovescio del tessuto. Per rendere più facile il lavoro è meglio utilizzare un telaio.

Inoltre, la stoffa per evidenziare meglio la tramatura, deve essere tesa. A questo punto bisogna sfilare dai due lati del pezzo di vestito tagliato tutti i fili e ripiegarli lateralmente.

Per effettuare il rammendo è abbastanza ovvio che bisogna prendere un filo dello stesso colore del tessuto. Successivamente, sfilare i fili danneggiati da un orlo interno e ricominciare a ricostruire la trama filo per filo. In prossimità della zona da riparare, i primi punti di rammendo dovranno partire a circa 1 0 2 cm dal taglio.

  • RAMMENDO DI STRAPPI E BUCHI

    rammendo strappi buchi

    Rammendo di strappi e buchi

Questo tipo cucitura è necessario ricostruire l’intero intreccio d’ordito e di trama. Prima di fare ciò, bisogna eliminare le sfilacciature in eccesso intorno al buco.
Per recuperare i fili necessari alla riparazione, si posso prendere anche da un orlo interno.
Fatto questo ora si può incominciare a rammentare la parte danneggiata a 1-2 cm dal buco sfilando sul rovescio un filo per volta, facendo passare per primi i fili di ordito (cioè quelli verticali)  e per ultimi i fili orizzontali (quelli orizzontali).
  • RATTOPPO RIBATTUTO

    cucire un rattoppo ribattuto

    Cucire un rattoppo ribattuto

Per effettuare questo rattoppo bisogna applicare del tessuto nuovo sulla parte da riparare. Prendere quindi un pezzo di stoffa più grande del buco di 1 0 2 cm, tagliarlo “a dritto filo”, piegare i lati del rattoppo fino a quando non si è raggiunta la grandezza desiderata e, a questo punto, dopo avere appoggiato il pezzo di stoffa sulla parte danneggiata, stirare ed eseguire l’imbastitura.
Cucire rattoppo ribattuto fine

La conclusione di un rattoppo ribattuto

Arrivati a questo punto, è meglio effettuare la cucitura definitiva da dentro, cioè nella parte di tessuto a contatto con il corpo, per evitare che risultino visibili i segni del lavoro all’esterno. Finito la cucitura, con la forbice, rifilare bene e tagliare via le parti in eccesso di filo. Dopo avere ripiegato il bordo, occorre fermare, stirare e imbastire l’orlo, ribattendo la ripiegatura con punti invisibili. Infine, è necessario controllare se il tessuto presenta disegni o tramature in sbieco;  in questo caso, tagliare la nuova toppa in modo tale da far combaciare il “verso” con la zona da riparare.
Ecco alcuni semplici consigli fai da te su come cucire, rammendare o rattoppare vestiti ei capi d’abbigliamento senza per forza ricorrere all’aiuto di un sarto.

Leave a reply

Altri articoli interessanti